Qual è la migliore pittura per esterni?

Qual è la migliore pittura per esterni?

Prima di scegliere la pittura più adatta per gli esterni di casa, bisogna tener conto di una serie di aspetti per evitare risultati pessimi. Qual è la migliore pittura per esterni?

Scegliere la migliore pittura per esterni

Per selezionare con quale pittura per esterni tinteggiare le mura della propria abitazione è necessario basarsi non solo sull’estetica ma anche e soprattutto sulle caratteristiche tecniche della pittura.

La pittura per esterni, infatti, non ha solo un ruolo decorativo ma anche protettivo. Per evitare quindi che l’affacciata di casa si rovini in breve tempo a causa degli agenti atmosferici, pioggia, vento, neve ma anche sole, e che venga danneggiata da muffe e crepe, bisogna scegliere la pittura per esterni più adatta.

Pittura per esterni al quarzo

La pittura al quarzo è una delle vernici per esterni più versatili.  È applicabile su ogni tipo di intonaco e possiede buone caratteristiche di idrorepellenza. Le particelle di quarzo in essa contenute, la rendono resistente e le conferiscono una capacità riempitiva in grado di uniformare le minime irregolarità presenti sulla superficie. Le stesse particelle la rendono resistente alle intemperie e ai raggi del sole. La pittura per esterni al quarzo è molto performante e in grado di durare nel tempo mantenendo colore e brillantezza. In base alle esigenze può contenere resine acriliche, resine elastomeriche, resine acril-silossaniche o silossaniche.

Pittura per esterni acrilica

Quella acrilica è forse una delle pitture per esterni più utilizzate, ma questo non vuol dire che sia effettivamente sempre la più adatta. La pittura per esterni acrilica è molto apprezzata per i suoi brevi tempi di asciugatura e per i suoi buoni valori di resistenza alle intemperie; particolarmente indicata per chi vuole ottenere una finitura liscia in esterno. Inoltre riesce a perdurare bene alla luce del sole grazie ai pigmenti colorati e alle resine acriliche di cui è costituita.

Pittura per esterni elastomerica

La pittura elastomerica è indicata per gli esterni grazie alla sua elevata adesione sulle superfici e soprattutto grazie ai suoi leganti che formano un rivestimento con ottime proprietà elastiche ed una elevata idrorepellenza. In base alle esigenze ed alla sua tipologia può presentare proprietà riempitive, riuscendo per questo a coprire con estrema facilità e precisione imperfezioni superficiali, dislivelli e micro-fessure dell’intonaco; lascia scivolare l’acqua sulle pareti, evitando così che si infiltri attraverso di esse deteriorando le superfici murali interne.

pittura per esterni

Qual è la migliore pittura per esterni – shutterstock Di ingehogenbijl

Pittura per esterni a calce e pitture ai silicati

La pittura a calce è un prodotto minerale considerato il più naturale tra le pitture. Per questo è la soluzione più salubre e sostenibile, rispettosa dell’ambiente. Tale pittura è costituita dal grassello di calce. È altamente traspirante, resiste agli sbalzi di temperatura ed è resistente a muffe e parassiti, altamente decorativa e particolarmente indicata per superfici che presentano richiami storici o artistici.

Le pitture ai silicati, a base di silicato di potassio, rappresentano un’alternativa alle pitture a base di calce. Presentano una struttura minerale simile ma assicurano prestazioni e durata più elevate grazie ad una maggiore resistenza meccanica ed una migliore protezione dagli agenti atmosferici.

Pitture per esterni silossaniche

Le pitture silossaniche sono la migliore tipologia di pittura per le superfici esterne, composte da resine acriliche e siliconiche, che presentano ottime proprietà di adesione al supporto, elevata resistenza meccanica, la migliore idrorepellenza e permeabilità al vapore. Le pitture silossaniche sono idrorepellenti e traspiranti, rappresentano la protezione più duratura dagli agenti atmosferici assicurando il corretto passaggio di vapore dall’interno verso l’esterno. Hanno una buona resistenza alle piogge acide, ai raggi ultravioletti e agli sbalzi termici.

Nessun Commento

Lascia un commento